TRENORD

Sistema ARGO

“Il 20 novembre , a seguito della riunione convocata su Argo, é stato stilato il verbale di incontro in allegato.
L’azienda ha ufficialmente comunicato l’intenzione di avviare la sperimentazione come riportato.
È stato scritto che i turni rispetteranno norme e contratto in vigore.
Come da nostre richieste è stato recepito che il lavoratore ha diritto al rispetto del turno programmato.
Nel caso di variazioni al turno quelle possibili (comunicate con variante su tablet o palmare ) sono di tre tipologie :
1- l’assegnazione di una giornata su disponibile
2- la richiesta da parte di organizzazione equipaggi (ditribuzione/ufficio turni) di cambiare la giornata con inizio anticipato o fine posticipata.
3- la richiesta di cambiare i servizi (treni) dentro la giornata.

E’ stato sancito che, ecetto l’assegnazione su disponibile, le altre varianti devono passare attraverso il consenso del lavoratore. Il lavoratore ha diritto di rifiutare la variazione e seguire la sua giornata programmata.
Esattamente come previsto già ora da CCNL Af, non si può rifiutare di avere una variazione eccezionale al servizio SOLO nei casi previsti dall’art. 28 punto 2 CCNL.
(In questo caso, se la variazione inficia sul riposo giornaliero, verrà modificato solo l’inizio della giornata successiva per poi rientrare nella programmazione prevista).
Per l’assegnazione della giornata su disponibile deve essere comunicata la variante entro la fine dell’ultima prestazione effettuata e comunque non oltre le 14.

Interessante, rispetto alla questione dell’assegnazione delle giornate in gestione, è che l’azienda ha ribadito in che modo deve procedere Organizzazione Equipaggi.
Ossia, se una giornata rimane scoperta e deve essere assegnata, prima si procede cercando di assegnarla invariata a chi ha un “disponibile “, poi finiti i disponibili si procede al tentativo di copertura attravarso la richiesta di prestazione straordinaria a lavoratori in Grs; infine se non si riesce a piazzare per intero la giornata, gli uffici procedono con ” il taglia e cuci” dei servizi.

È stata recepita altra nostra ulteriore richiesta a definire per iscritto che la matrice dovrà essere ciclica, rotativa e collettiva. E che la stessa matrice nominativa verrà utilizzata come oggi nel sistema bdrop: consegnandola ai lavoratori.

Infine il sindacato ha richiesto che prima del go Live definitivo bisogna necessariamente passare attraverso accordi per la definizione delle questioni.
La delegazione Filt-Cgil”

Verbale Incontro