TRENORD

Ancora sul sistema ARGO

Il 9 e il 13 Novembre 2017 si sono tenuti gli incontri tecnici tra Trenord (Programmazione e Organizzazione Equipaggi) e la delegazione sindacale del Personale Mobile per la discussione sul progetto Argo (nel particolare per il sistema di programmazione e gestione turni del personale mobile .
L’azienda ha confermato il differimento dell’avvio della “pilot run” (sperimentazione) prevista dal 20 Novembre per i depositi di Brescia e Como lago al 21 Novembre, per dare spazio ad un ulteriore incontro col sindacato il giorno 20. Trenord ha confermato che i software attuali funzioneranno in parallelo per un periodo di tempo variabile comunque non inferiore a 10 giorni.
Gli incontri tecnici fin qui svolti sono serviti a definire le impostazioni del Software di PROGRAMMAZIONE.

Come abbiamo già scritto, la PROGRAMMAZIONE è “l’assegnazione di tutta la produzione (tutti i treni da effettuare) al personale. Essa passa attraverso la costruzione dei turni di lavoro, intesa come sequenza di giornate complete di rispettivi treni assegnati per ogni giornata; e viene finalizzata attraverso l’assegnazione a ogni lavoratore della propria sequenza di giornate.”

L’azienda non lo ha ancora definito per tutti i lavoratori. Una valutazione oggettiva sul sistema deve verificare la capacità che ha lo stesso di assegnare ai lavoratori di un determinato impianto, in maniera equa e ciclica, tutte le giornate di turno presenti in quello stesso impianto/deposito .
Il sistema è stato sviluppato seguendo la costruzione di una MATRICE COLLETTIVA, ROTATIVA E CONTINUATIVA, con le posizioni di tutti i lavoratori ai quali viene assegnatoi il lavoro nella maniera “tradizionale” di ciclicità che conosciamo oggi in Trenord.

ABBIAMO ESPLICITAMENTE RICHIESTO CHE LA MATRICE E LE SUE VARIAZIONI (CAMBIO TURNO ECC..) VENGA NECESSARIAMENTE COMUNICATA AL PERSONALE INSERENDO TUTTI I NOMINATIVI CHE OCCUPANO TUTTE LE POSIZIONI. QUESTO AL FINE DI UNA VERIFICA PROPRIA SULL’ASSEGNAZIONE DELLE GIORNATE E QUINDI SUL CORRETTO FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA.

Terminata la fase di confronto sull’impostazione della programmazione, abbiamo chiesto di chiarire quali parametri sarebbero stati inseriti nella fase di sperimentazione.
Per gli operatori del sistema Argo, i limiti posti alla matrice vengono inseriti rispettando il Contratto Aziendale a seguito della negoziazione in corso.
Per i primi giorni di sperimentazione non sarà possibile inserire i parametri corretti perché non si riuscirà dopo l’incontro sindacale del giorno 20 inserire quanto sarà concordato per il giorno successivo.
Saranno quindi inseriti dei “parametri di prova” stabiliti solo da parte aziendale.
Per gli aspetti normativo/applicativi e contrattuali il sistema è stato presentato attraverso l’applicazione dei seguenti dettagli (per sgombrare il campo da inutili confusioni di seguito riportiamo la nostra posizione rispetto a questi, posizione che sosterremo il giorno 20 alla presenza della Direzione del Personale e Relazioni Industriali, titolari della trattativa.
divergenze tra la proposta aziendale
e le richieste del sindacato

In particolare segnaliamo i seguenti elementi come
questioni contrattuali e non tecniche:
ORARIO DI LAVORO: Il sistema di programmazione deve operar
nei limiti contrattuali (cosa che difficilmente riesce anche ora con veste e mayor).
• Chiediamo il rispetto dei i limiti di lavoro e di riposo giornalieri e settimanali
• il rispetto del calcolo dell’orario settimanale sviluppato nel mese di riferimento (quello che viene pagato per capirci).
• L’azienda invece vuole calcolare l’orario di lavoro mensile calcolato su 28 giorni e non su quanto stabilito da CCNL, ossia sul mese solare. Così facendo l’orario di lavoro non sarebbe più calcolato su 12 mesi, bensì su 13! Non siamo una compagnia telefonica!!

VISIBILITA’ ROLLING: La visione delle settimane rolling è stata impostata su 28 giorni. Questo non è un vincolo di sistema. Il periodo di visibilità impostata deve poter dare al lavoratore una visibilità ragionevole.
Non troppo breve (da non poter programmare gli impegni personali e familiari), non troppo lunga (da non tenere conto delle variazioni di programma (ferie, eventi ecc..)
Uno dei rischi che vediamo è che la visibilità rolling potrebbe ridursi fino a 5 giorni in occasione dei cambi turno (soprattutto quelli più importanti). Trenord dovrà effettuare i cambi turno in tempi gestibili , comunicando con la Regione Lombardia per tempo.
Si deve evitare che prima del periodo natalizio o della chiusura estiva delle scuole (i due cambi turno importanti) i lavoratori non siano in grado di programmarsi la settimana successiva.

Gestione delle varianti giornaliere: pur non essendo un aspetto puramente tecnico è stata discussa e valutata come elemento di criticità.
Le variazioni giornaliere sono la fase di “chiusura” del processo di assegnazione del lavoro che possono anche tener conto di necessità immediate dietro richiesta dell’ufficio o del singolo lavoratore, ma devono comunque garantire il principio di equità di assegnazione.
Per questo abbiamo proposto:

– ridefinire urgentemente i limiti delle DISPONIBILITA’ ( in programmazione e in gestione).
– stabilire i criteri di assegnazione delle giornate di turno su disponibilità programmate.
– realizzare nuovi modi e tempi più congrui per le comunicazioni delle variazioni giornaliere. Nello specifico riteniamo che se la variazione interessa il periodo lavorativo (inizio e fine giornata programmati) ci deve essere una richiesta preventiva da parte dell’ufficio e il diritto del lavoratore di accettare o meno. Se la variazione incide su un minor impegno di condotta e scorta con ricadute economiche, il riconoscimento della quota di indennità prevista nella giornata programmata deve essere mantenuto. Per non lasciare nulla al caso crediamo sia anche opportuno definire una procedura in caso di degrado dei sistemi informatici.

Qualora il giorno 20 l’azienda non si dimostrerà disponibile ad intervenire come richiesto sul sistema prima dell’avvio della sperimentazione nel rispetto dei termini normativo/contrattuali vigenti, chiederemo che quest’ultima venga sospesa.

Filt Informa pag 1

Filt Informa pag 2